KUMA: il contorno occhi e la complessità

 In Trattamenti Cutanei

OGGI PARLIAMO DEI FASTIDIOSI INESTETISMI DELLA ZONA CONTORNO OCCHI

Occhiaie, borse, rughe del contorno occhi…possono essere antiestetici effetti di una vita stancante, stressante oppure possono accompagnarci tutta la vita per genetica, infine possono comparire con l’avanzare dell’età, sintomi dell’invecchiamento che avanza…

Chi di noi, almeno una volta, svegliandosi si è guardato allo specchio chiedendosi come avrebbe fatto a nascondere le terribili occhiaie o borse..magari in una giornata di pioggia, in cui è impossibile ricorrere agli occhiali scuri..!?!

Cerchiamo di capire meglio come originano questi inestetismi (possono essere di molteplici tipologie!) e andiamo a fondo parlando del contorno occhi e di tutte le sue problematiche.

foto articolo 1

Ovviamente rivolgiamo il nostro sguardo a Oriente e al nostro amato Giappone, patria della dermocosmetica funzionale. Ad Est la sensibilizzazione al fenomeno di occhiaie e borse è molto più alta, per genetica infatti popolazioni come gli indiani e gli asiatici sono più predisposti ad averle, pertanto la scelta e la varietà di prodotti specifici per questo tipo di problema è piuttosto eterogenea!

Esiste un termine giapponese in grado di descrivere nel complesso tutte le problematiche legate alla pelle del contorno occhi, che come sappiamo è completamente differente rispetto al resto del viso.

Questo termine è “KUMA”.

Letteralmente “KUMA” in giapponese significa “panda”…..e già rende l’idea!

Alla base della filosofia del “KUMA” c’è il fatto che uno sguardo stanco, invecchiato, spento non è causato da un solo problema, ma da una concomitanza di inestetismi che interessano questa particolare zona del viso.

Di seguito vedrete schematizzati gli inestetismi del contorno occhi, più avanti vedremo come risolverli uno ad uno.

foto articolo 1
  • BLUE KUMA: l’origine di queste occhiaie è un ristagno del microcircolo sanguigno a livello della zona sotto oculare. La pelle sottile di questa zona del viso fa trasparire la colorazione bluastra del sangue poco ossigenato presente nei piccoli vasi sanguigni sottostanti, dando origine al fastidioso inestetismo. Questo fenomeno è spesso accompagnato da edema, dovuto appunto ad una cattiva circolazione, provocando così la tipica e antiestetica “borsa” sotto l’occhio.

Esistono molti ingredienti cosmetici in grado di ripristinare il corretto microcircolo sanguigno, di ossigenare il sangue a livello di questi capillari, di prevenire e contrastare l’edema e il ristagno sanguigno.

Unicaderma ha scelto l’acqua di fiori di Sambuco. Oltre a possedere tutte le qualità elencate sopra, è naturale e deriva da fonti ecosostenibili e totalmente riciclabili.

  • BROWN KUMA: queste occhiaie spesso sono genetiche, ovvero le possediamo fin da piccoli e purtroppo ce le portiamo per tutta la vita. Si tratta di un “difetto” di produzione della melanina (pigmento dell’abbronzatura per intenderci). Questa molecola viene in questo caso prodotta in modo eccessivo e concentrato nella zona perioculare, ovviamente la produzione avviene a causa di uno stimolo, come se la pelle in quella zona ne avesse più necessità di essere protetta. Spesso è legata ad una cattiva circolazione, la melanina prodotta negli strati cutanei superficiali cerca quindi di proteggere i vasi e le strutture più profonde. E’ frequente quindi trovare occhiaie formate da BLUE + BROWN KUMA.

Per contrastare questa tipologia di occhiaie occorre utilizzare un principio attivo che blocca la produzione di melanina. Unicaderma ha scelto la vitamina C.

  • RED KUMA: si tratta di occhiaie di origine infiammatoria e irritativa. Compaiono quando sforziamo troppo la vista, quando stiamo troppo tempo davanti a monitor, televisioni, smartphone, ecc. Ma anche quando si soffre di allergie o quando si viene a contatto con polveri e smog.

Compaiono nella zona in prossimità della palpebra inferiore, poco sotto le ciglia.

L’approccio cosmetico è quindi quello di utilizzare delle molecole che riducono il rossore, che calmino l’irritazione.

Unicaderma ha scelto diverse molecole tra cui l’estratto di liquirizia, potente lenitivo naturale.

 

  • TARUMI: in giapponese indica l’edema sotto l’occhio, ovvero le fastidiose “borse” in gergo. Come anticipato prima, questo tipo di inestetismo è spesso accompagnato anche dalle occhiaie di tipo “Blue Kuma”, in quanto la loro comparsa è legata alla stessa problematica ovvero una cattiva circolazione sanguigna ed un ristagno di sangue e liquidi.

Unicaderma ha scelto l’acqua di fiori di sambuco per contrastarle (vedi sopra).

  • RUGHE: infine, ma non ultimo in termini di inestetismi, parliamo delle rughe del contorno occhi.

L’origine di queste rughe può essere ovviamente da invecchiamento (denominate Shiwa in giapponese). La perdita di tono legata ad una progressiva riduzione della sintesi di collegene, elastina e acido ialuronico, provoca inevitabilmente la formazione di rughe più o meno profonde.

Unicaderma ha scelto un acido ialuronico vettorizzato, in grado di penetrare in profondità grazie ad una maggiore affinità con le strutture che compongono la barriera cutanea, aumentando il tono e il turgore della pelle del contorno occhi, prevenendo e contrastando la formazione delle rughe.

Una causa diversa all’origine delle rughe più superficiali è da ricercarsi nella perdita di idratazione dei tessuti e nella cattiva condizione della cute del contorno occhi. Con il termine giapponese “Kimè” si indica la trama della pelle vista al microscopio. Una pelle sana, idratata, forte corrisponde ad un buon Kimè.

Occorre quindi porre molta attenzione ai cosmetici utilizzati per questa particolare area del viso, la pelle è sottile quindi si disidrata più facilmente perdendo tono e elasticità.

Unicaderma ha scelto un complesso biomimetico che mima appunto la struttura dell’epidermide come una “seconda pelle” proteggendola, mantenendola idratata e ripristinandone la struttura funzionale.

 

Seguiteci per non perdere tutte le novità in programma specifiche per il contorno occhi!

 

0